Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Home News Eventi MOSTRA FOTOGRAFICA. gulag di Tomasz Kizny

MOSTRA FOTOGRAFICA. gulag di Tomasz Kizny

Dettagli dell'evento

Quando

dal 18/03/2014 alle 10:00
al 11/04/2014 alle 18:00

Dove

Biblioteca comunale Mozzi Borgetti, Piazza Vittorio Veneto 2 , Macerata

Persona di riferimento

Recapito telefonico per contatti

+039 0733 258.2747

Aggiungi l'evento al calendario

Allegati

Il progetto Amnesia Gulag in Europe (AGE), coordinato da Natascia Mattucci, entra nel vivo con l’inaugurazione della MOSTRA FOTOGRAFICA  “GULAG” di Tomasz Kizny, fotografo e giornalista di origine ucraino-polacca.

La mostra - in cui sono esposte 95 fotografie dell’Autore – sarà allestita a Macerata, nei locali della Biblioteca Comunale Mozzi Borgetti  (Piazza Vittorio Veneto 2), nel periodo 18 marzo/11 aprile 2014 con orario di apertura: dal lunedì al venerdì: ore 9.00-13.00; e il giovedì e venerdì: ore 15.00-18.00.

Tomasz Kizny ha iniziato la sua attività di fotografo dopo la proclamazione dello stato di guerra da parte del generale Jarukeskj in seguito alla nascita del movimento sindacale Solidarnosc. Nel 1982, in clandestinità fonda l’agenzia fotografica Dementi (Smentire). Nello stesso tempo, a partire da alcune foto di famiglia (suo nonno fu deportato da Stalin nei Gulag e morì internato) incomincia le sue ricerche sui crimini del comunismo.

Dalla metà degli anni ’80 sino alla fine degli anni ’90, Kizny è alla ricerca dei luoghi della memoria: spulcia tra gli archivi statali (dove è concesso), e tra le foto dei sopravvissuti. Oltre ai documenti fotografici, raccoglie anche numerosi documenti storici.

La mostra rappresenta il frutto di questo lungo lavoro di ricerca e viene offerta al pubblico della città per una riflessione sul tema.  In particolare, saranno gli studenti degli Istituti superiori di Macerata e di Loreto ad essere guidati nella visita alla mostra: gli stessi ragazzi che hanno seguito le lezioni dedicate per introdurli al tema dei gulag.

Per saperne di più sul progetto: http://amnesiagulag.eu