Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Home News Prof. Tavoletti: articolo su grandi società di mangagement consulting

Prof. Tavoletti: articolo su grandi società di mangagement consulting

Cerruti, C., Tavoletti, E., & Grieco, C. (2019 earlycite). Management consulting: a review of fifty years of scholarly research. Management Research Review, EMERALD Publishing, UK.
Tavoletti

Tavoletti

Per informazioni sulla Management Research Review cliccare qui.

Le grandi società di management consulting (Accenture, Capgemini, Deloitte Consulting, PricewaterhouseCoopers, Ernst & Young, KPMG, McKinsey, The Boston Consulting Group, IBM Global Services, Bain & Company, SAP) hanno una grande influenza sulle imprese private e sulle istituzioni pubbliche, sia su quelle leader che si avvalgono a pagamento dei loro servizi sia soprattutto sulle numerose follower, attraverso i processi imitativi inconsapevoli. Non è raro che lo stesso legislatore, anche per il settore pubblico, faccia inconsapevolmente riferimento a metodi e pratiche introdotte da società di consulenza manageriale nord-americane: analisi swot, gestione della qualità e piano della performance – entrati a pieno titolo nella gestione anche degli atenei - sono due esempi.

La grande dimensione, la presenza globale, il valore delle expertise possedute, la centralità del loro ruolo presso le grandi imprese e le grandi istituzioni pubbliche, come più stretti consiglieri dei vertici e con accesso alle problematiche più sensibili e confidenziali, sono tali che la stessa ricerca manageriale accademica svolge talora un ruolo di follower e non sempre di leader in relazione alle sempre cangianti “management fads” (mode manageriali) che l’industria propone. La cura spesa nel creare un’immagine di successo e di esclusività, l’opportunità che offrono di entrare in contatto con i vertici di grandi imprese, sulle tematiche più sensibili, le rendono le aziende di elezione di molti neo-laureati ricchi di motivazione e talento.

L’articolo offre uno stato dell’arte della ricerca accademica manageriale sull’industria del management consulting. La letteratura può essere ripartita su tre filoni principali:

1) I fattori critici di successo nell’industria: competenze, gestione delle risorse umane, gestione delle percezioni e della conoscenza interna.

2) I diversi ruoli svolti dai consulenti: agenti di cambiamento, gestori dell’incertezza, fashion setters

3) La dinamica del rapporto cliente-consulente. Trasversalmente ai diversi filoni emerge un Giano Bifronte.

C’è un lato luminoso in cui i consulenti sono portatori di innovazione e cambiamento, e c’è un lato oscuro in cui è possibile individuare un ciclo di vita delle mode manageriali ed in cui i consulenti svolgono un ruolo ambiguo, per clienti spesso non inconsapevoli delle dinamiche dell’industria. Su questo lato oscuro, il cliente “manipolato” è spesso egli stesso “manipolatore” dei consulenti che, nel loro ruolo di esperti esterni, possono aiutare il vertice a superare resistenze interne o a legittimare se stesso. L’articolo si conclude prefigurando le possibili tendenze evolutive di un’industria di élite nel tempo dell’economia della conoscenza e della rivoluzione digitale, ovvero in un contesto di crescente trasparenza, crescente accesso all’informazione e decrescenti costi di elaborazione ed interpretazione.